Dott. Vincenzo Alvino

SPECIALISTA IN OSTETRICIA E GINECOLOGIA
PERFEZIONATO IN ECOGRAFIA E MEDICINA PRENATALE
a chi
ci rivolgiamo
servizi
offerti
Linea diretta per
informazioni e/o appuntamenti
Telefono studio
0564 412428 - 0564 416145

Cellulare
339 6461489

Email
info@vincenzoalvino.it

Seguici su
Sito in continuo aggiornamento.
Per eventuali commenti/segnalazioni
inviare una mail a: info@vincenzoalvino.it

Ultimo aggiornamento il 09/02/2016 alle ore 13:41


IEO

Home » Ginecologia » Consigli Per Essere In Buona Salute »

Esercizio Fisico E ObesitÓ

L'unico autorizzato ad effettuare una consulenza medica ed esprimere un parere riguardo ad una vostra richiesta è il vostro medico, per cui tutte le informazioni presenti sul sito hanno carattere puramente informativo e non possono in alcun modo sostituire quello che è il suo parere.

Esercizio fisico e obesità

L’obesità viene definita come l’aumento del peso corporeo, per aumento della massa adiposa, come conseguenza di un bilancio energetico positivo, a cui potrebbero associarsi anomalie metaboliche e un maggior rischio di patologie cardiovascolari.

L'obesità infantile

In genere i bambini obesi non assumono più calorie rispetto a quanto previsto dagli standard nutrizionali. Nella fascia di età 4-6 anni, il consumo energetico medio è inferiore del 25% rispetto all'apporto calorico, per riduzione dell'attività fisica in quanto circa il 50% dei maschietti ed il 75% delle femminucce non svolgono alcuna forma di attività fisica, anche modesta, per due-tre volte a settimana.

Si definisce obeso il bambino la cui plica tricipitale abbia uno spessore maggiore del'85° percentile per età e sesso in base alle tabelle di riferimento. Oppure Peso corporeo superiore al 120% del peso ideale per statura e sesso, utilizzando le tavole di Tanner. Si definisce obeso il bambino con un BMI (Kg/m2) superiore al 97° percentile per età e sesso, in base alle tabelle di riferimento.

E' utile eseguire sullo stesso soggetto entrambe le misurazioni per aumentare il livello di accuratezza diagnostica.

Aspetti nutrizionali dell'obesità nell'età evolutiva:

  • Assunzione calorica per lo più uguale o anche inferiore a quella dei normopeso.

  • Tendenza a sottostimare l'assunzione alimentare.

  • Maggiore assunzione di zuccheri semplici e grassi e l'assunzione di lipidi si correla al grado di obesità.

  • Incapacità o difficoltà a riconoscere la sensazione di fame e sazietà.

Fattori che potrebbero determinare la comparsa di obesità tra 6-17 anni sono:

  • La familiarità.

  • La sedentarietà (come stile di vita).

  • Il livello di istruzione della madre.

  • Lo status socio-economico.

Per combattere l'obesità in età evolutiva occorre:

  • Limitare drasticamente l'assunzione di zuccheri semplici e grassi.

  • Una riabilitazione nutrizionale con recupero del riconoscimento della sensazione di fame e sazietà.

  • Combattere la sedentarietà e praticare un regolare esercizio fisico aerobico.

  • Prevenire la noia e individuare le attività che appassionino il bambino o l'adolescente e la famiglia deve essere coinvolta nell'intervento.

Relativamente ai tessuti e alla spesa va notato che:

  • I tessuti metabolicamente più attivi sono i visceri: circa 20 volte in più rispetto ad unità di riferimento (grammo) di massa muscolare, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i muscoli consumano molto meno dei visceri, tuttavia la gran quantità di tessuto muscolare rende questo tessuto il principale componente della spesa energetica totale. Per unità di riferimento, va comunque notato che il cervello, il fegato, il rene consumano molto più rispetto al muscolo.

  • Il consumo energetico della massa magra è legato alla sua efficienza metabolica ed alla sua quantità.

  • Nei più giovani la quantità di tessuto muscolare è maggiore rispetto a quello degli adulti e degli anziani che presentano via via una progressiva perdita di tessuto muscolare con l'avanzare dell'età (sarcopenia).

  • Il consumo energetico nelle donne è inferiore  rispetto a quello degli uomini in quanto in esse i muscoli sono meno rappresentati.

 

Sintomi menopausa - La visita ginecologica